Crotone,
Tempo di lettura: 1m 38s

Crotone, tra il 2004 e il 2005 fu venduta carne di bovini affetti da tubercolosi

Tra il 2004 ed il 2005 in provincia di Crotone sarebbero venduti prodotti “ottenuti da bovini affetti da tubercolosi accertata”. È quanto sostenuto dal presidente della Consiglio regionale (leggi resoconto) anti ndrangheta, Arturo Bova, che nella giornata di ieri ha audito i vertici dell’Asp di Crotone e del Servizio veterinario della stessa Asp.

Il presidente “Riferisce – è scritto in un breve resoconto – i contenuti di una sentenza di primo grado, che reputa molto grave, secondo cui nel 2004-2005 sarebbero stati venduti prodotti ottenuti da bovini affetti da tubercolosi accertata. Chiede, pertanto, agli auditi di relazionare sul punto della contestata mancata attuazione, da parte del Servizio Veterinario dell’Asp, dei Piani obbligatori di eradicazione della brucellosi, della tubercolosi e della leucosi enzootica bovina”.

Ad essere auditi, nella seduta della Commissione, iniziata alle 12:11 e chiusa alle 13:10, sono stati Domenico Tedesco, direttore del Dipartimento di Prevenzione, Asp di Crotone; Giuseppe Fico, Direttore Amministrativo Asp di Crotone; Carmela Volpicelli Dirigente Veterinario Asp di Crotone e Sergio Arena, Direttore Generale Asp di Crotone. Arena e Tedesco all’epoca dei fatti non ricoprivano gli attuali incarichi.

La Commissione contro la ‘ndrangheta della Regione Calabria vuole fare chiarezza sui casi di brucellosi, tubercolosi e leucosi bovina avvenuti nella provincia di Crotone e “sui provvedimenti e sulle iniziative assunte dall’Asp di Crotone (già Asl n. 5) in merito alla contestata mancata attuazione da parte del Servizio Veterinario della medesima Asp dei piani obbligatori di eradicazione della brucellosi, della tubercolosi e della leucosi enzootica bovina negli anni 2001/2005”.

La sentenza a cui fa riferimento Bova è quella che in primo grado ha dato ragione ad un allevatore di Isola Capo Rizzuto che ha chiesto un risarcimento da un milione di euro per aver contratto la tubercolosi.