Crotone,
Tempo di lettura: 1m 11s

Crotone, talassemica positiva al Covid senza cure per cinque ore: deve intervenire la polizia

Archivio

Riceviamo e pubblichiamo

“Giovedì 13 gennaio una delle nostre associate, positiva al Covid19, che necessitava di terapia salva vita, è stata portata in area Covid a Crotone, dove, per una serie di disguidi e di conseguenti palleggiamenti di competenze, si è vista “dimenticata” per circa 5 ore prima di essere finalmente sottoposta alla terapia di cui aveva bisogno.

La situazione si è sbloccata solo quando, su indicazione della scrivente associazione, la paziente ha allertato la polizia che è intervenuta intimando al personale sanitario di procedere con la terapia salva vita.

Alla fine di 7 lunghissime ore la nostra associata è tornata a casa, provata fisicamente e psicologicamente dalla disavventura capitatale.

L’Associazione Thalassemici Crotonese stigmatizza quanto accaduto e chiede ai vertici dell’Asp 5 di stilare un protocollo ad hoc sull’accesso alle terapie salva vita di soggetti affetti da patologie croniche, un protocollo che permetta agli stessi di sapere a chi rivolgersi e come si snoderà, passo dopo passo, il percorso per l’erogazione della terapia; l’associazione chiede altresì che tale protocollo sia portato a conoscenza di tutte le UU. OO. interessate e nelle stesse pubblicizzato adeguatamente a beneficio dell’utenza.

L’Associazione rende noto anche che non tollererà il ripetersi di episodi simili, che saranno inderogabilmente oggetto di denuncia alla Procura della Repubblica”.

 

Maria Guzzo – presidente Associazione Thalassemici Crotone