Crotone,

Crotone, resti di ossa umane sparse per il cimitero: aperta una inchiesta

Resti di ossa umane sparse per il cimitero di Crotone. Ormai non ci sono più dubbi: secondo quanto accertato dalle analisi del Dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria provinciale di Crotone, su richiesta dell’Amministrazione comunale, i frammenti rinvenuti sono di “natura umana” e retrodatabili in un periodo che varia tra i venti ed i quaranta anni fa.

 

La presenza di ossa umane sparse all’interno del cimitero di Crotone era stata segnalata lo scorso 5 settembre da alcuni cittadini ai Carabinieri. In quello stesso giorno c’era stato un sopralluogo del sindaco Ugo Pugliese con gli agenti della Polizia municipale che avevano provveduto a repertare i resti e ad inviarli al Dipartimento dell’Asp che ora ha fornito i risultati delle analisi.

“Innanzitutto procederemo a dare una degna sistemazione a questi frammenti ossei nel rispetto che si deve al ricordo dei defunti. – ha detto Pugliese – Allo stesso tempo, dopo aver informato le autorità competenti, apriremo una inchiesta interna per accertare i fatti ed individuare le eventuali responsabilità al riguardo. Sono profondamente amareggiato di quanto accaduto ma allo stesso tempo determinato a chiarire tutti gli aspetti. Ringrazio i cittadini della segnalazione e i Carabinieri per il pronto intervento”. Ora, come previsto dalla normativa, tutti i risultati e gli incartamenti dovranno essere consegnate dal sindaco e dalla Polizia municipale alla competente autorità giudiziaria.

Tag:,

Istituto S.Anna