Crotone,

Crotone, partorisce in casa bimbo morto, lo scoprono i carabinieri al pronto soccorso

Una ragazza di 23 anni si è presentata al Pronto soccorso dell’ospedale di Crotone perché aveva bisogno di cure mediche. Ma qualcosa non ha convinto i medici che hanno allertato i carabinieri di Crotone. I militari dell’Arma, in collaborazione con i colleghi di Rocca di Neto, luogo in cui vive la giovane di origini rumene, si sono recati presso la sua abitazione e hanno fatto la macabra scoperta. La donna aveva da poco partorito in casa un bimbo morto. Sono in corso indagini da parte dei militari della Stazione carabinieri di Rocca di Neto e della Compagnia di Crotone.

Sul corpicino del bimbo è stata disposta l’autopsia che dovrà chiarire se è veramente nato morto, come sostengono i parenti della ragazza, oppure è deceduto dopo il parto. Particolare non di secondo piano visto che la donna ha partorito in casa, un palazzotto nel centro storico di Rocca di Neto abitato quasi interamente da rumeni che lavorano nei campi, e che potrebbe cambiare lo scenario. Sembra, infatti, che dopo il parto in casa la ragazza abbia cominciato ad accusare dei malori, per questo alcuni congiunti hanno pensato di portarla all’ospedale di Crotone, mentre il bimbo appena partorito sarebbe stato lasciato sul posto. E quasi certamente l’autopsia dovrà accertare la circostanza più importante ai fini delle indagini. La ragazza, che non è in pericolo di vita, si trova ancora ricoverata all’ospedale di Crotone.

Tag:,

Aurum