Crotone,

Crotone, blitz della Polizia: serata danzante in locale non autorizzato e multe per diverse infrazioni

Personale della Questura di Crotone ha effettuato un controllo amministrativo, presso una sala giochi con somministrazione di alimenti e bevande.

In avvio di attività la Polizia ha accertato che all’interno dell’area del locale adibita a sala giochi-bowling, era in corso di svolgimento una serata danzante di intrattenimento musicale, che non sarebbe stata autorizzata dal Comune di Crotone.

In relazione a quanto sopra gli uomini della Questura hanno invitato il titolare del locale presso gli uffici al fine di elevare una sanzione amministrativa per un importo pari a € 2.478,00.

Sono stati identificati otto dipendenti, dei quali due con mansioni di addetti ai servizi di controllo nei locali di intrattenimento musicale, risultati essere non iscritti nel previsto elenco prefettizio.

Per tutti i predetti il titolare è stato invitato ad esibire relativi contratti di assunzione, mentre i due addetti non autorizzati, sono stati invitati presso questi uffici della Questura per l’elevazione della contestazione amministrativa, per un importo pari a € 1.666,66 cadauno.

La medesima sanzione sarà elevata a carico del titolare dell’attività, in quanto, ha utilizzato personale non abilitato, e senza darne preventiva comunicazione alla Questura.

Sequestro amministrativo di un congegno elettromeccanico, nonché del relativo incasso pari a € 139,50, perchè in “qualità di titolare dell’esercizio di sala giochi in argomento, metteva a disposizione in luoghi pubblici o aperti al pubblico o in circoli o associazioni di qualunque specie, apparecchi destinati, anche indirettamente, a qualunque forma di gioco, anche di natura promozionale, non rispondenti alle caratteristiche di legge” ed è stata contestata la sanzione amministrativa per un importo pari a € 10.000 in misura ridotta.

Infine, il titolare aveva avviato, in un locale adiacente al bowling, l’attività di somministrazione di alimenti e bevande in assenza della prescritta autorizzazione comunale per la quale è stata elevata una sanzione amministrativa pari a € 5.000,00 in misura ridotta.

Si procederà, quindi, alla relativa comunicazione al Sindaco per la cessazione della predetta attività, condotta in assenza di autorizzazione.

Tag:,

Aurum