Reggio Emilia,
Tempo di lettura: 37s

Coronavirus, niente domiciliari per Nicolino Grande Aracri: il boss resta in carcere

Nicolino Grande Aracri

Il tribunale di Reggio Emilia ha respinto l’istanza per i domiciliari avanzata a fine aprile dai difensori di Nicolino Grande Aracri, capoclan della ‘ndrangheta detenuto nel carcere milanese di Opera.

Lo riferisce La Gazzetta di Reggio, secondo cui nella loro valutazione i giudici hanno tenuto conto del parere negativo dato dalla Procura distrettuale di Bologna e della relazione del penitenziario, che esclude rischi di contagio, alla luce delle precauzioni prese. La decisione è stata presa dal collegio che sta giudicando il boss 61enne, attualmente sotto processo con l’accusa di essere il mandante di due omicidi del 1992, quando furono uccisi Nicola Vasapollo e Giuseppe Ruggero, a Reggio Emilia. (Ansa)