Crotone,
Tempo di lettura: 1m 39s

Coronavirus, il sindaco di Isola Capo Rizzuto chiude tutto

archivio

Emergenza Covid-19 (coronavirus), a Isola Capo Rizzuto tutto chiuso o quasi. Il sindaco Maria Grazia Vittimbrerga, ha firmato ieri l’ordinanza numero 29 nella quale si ordina: “con decorrenza immediata e fino al termine della fase emergenziale (fatti salvi i precedenti provvedimenti sindacali e governativi),

  1. la sospensione sul territorio comunale della vendita dei “Gratta e Vinci” cartacei e prodotti analoghi e assimilabili, all’interno dei locali in cui sono esercitate le attività di tabaccai e negli altri esercizi commerciali con analoghe abilitazioni e/o autorizzazioni di vendita;
  2. la sospensione sul territorio comunale dell’esercizio del gioco del lotto e assimilati all’interno dei locali in cui sono esercitate le attività di tabaccai e negli altri esercizi con analoghe abilitazioni e/o autorizzazioni di vendita;
  3. agli esercenti delle rivendite di generi di monopolio, il blocco delle slot machine e la disattivazione di monitor e televisori presenti nei locali per l’attività di gioco che implica la permanenza degli avventori;
  4. la sospensione dei cantieri edili e mobili, con l’eccezione dell’esecuzione di lavori urgenti finalizzati all’eliminazione di pericoli per la pubblica e privata incolumità e/o a garantire la funzionalità degli impianti al servizio delle abitazioni;
  5. l’interdizione ai cittadini di tutte le spiagge ricomprese nel territorio comunale;
  6. il divieto di assembramento in tutti i luoghi pubblici, ivi compresi i luoghi antistanti le banche e gli uffici postali;
  7. il divieto di esercizio dell’attività sul territorio comunale ai venditori ambulanti;
  8. la chiusura, nelle giornate di sabato (dopo le ore 13:00), di tutte le attività commerciali ivi comprese quelle riconducibili ai beni di prima necessità, ad esclusione delle farmacie di turno;
  9. la chiusura, nelle giornate di domenica (per le 24 ore), di tutte le attività commerciali ivi comprese quelle riconducibili ai beni di prima necessità, ad esclusione delle farmacie di turno”.