Crotone,
Tempo di lettura: 7m 14s

Coronavirus, ecco come richiedere i buoni spesa: il Comune di Crotone ha stabilito i criteri

Il Comune di Crotone ha stabilito i criteri di accesso ed erogazione per i “buoni spesa” a favore di famiglie in difficoltà in seguito all’emergenza Coronavirus.

La somma complessiva di € 574.596,92 è stata accreditata ieri all’Ente e l’Amministrazione ha predisposto gli atti per consentire l’accesso dei beneficiari alla misura straordinaria prevista dalla recente ordinanza della Protezione Civile Nazionale.

Il Commissario Straordinario, Tiziana Costantino, ha immediatamente dato disposizioni agli uffici che hanno predisposto la delibera di variazione di bilancio per la presa in carico della somma destinata al Comune di Crotone, approvata ieri sera con provvedimento dello stesso Commissario.

Il Commissario ha, inoltre, stabilito i criteri relativi alla corresponsione dei “buoni spesa”.

Criteri che considerano l’emergenza del momento e la finalità dell’intervento, ma soprattutto votati alla trasparenza ed alla efficacia dello stesso che deve essere di ristoro per le famiglie particolarmente bisognose che hanno avuto particolari contraccolpi in questo delicato momento di crisi sanitaria, economica e sociale.

Si è proceduto oggi all’approvazione, con provvedimento del Commissario Straordinario, delle modalità di accesso alla misura e con determina dirigenziale al successivo avviso pubblico e la relativa modulistica, che sono stati pubblicati sul sito istituzionale del Comune e sulle pagine social dell’Ente.

Allegato_Modulo_di_Domanda

AVVISO_5_

CITTA’ DI CROTONE
SETTORE VI – Servizio VI.1 “SERVIZI SOCIALI”
Piazza della Resistenza – 88900 Crotone (KR) – e-mail servizisociali@comune.crotone.it
AVVISO PUBBLICO PER LA
CONCESSIONE DEL BUONO SPESA DI CUI ALL’OCDPC N. 658 DEL
29/03/2020
Crotone 2/04/2020
Art. 1 – Oggetto
Il presente avviso pubblico disciplina i criteri e le modalità per la concessione dei buoni spesa di cui all’Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 658 del 29/03/2020, nonchè della Deliberazione di Giunta n. 63 del 2/04/2020, adottate al fine di fronteggiare i bisogni dei nuclei familiari impossibilitati ad approvvigionarsi di generi alimentari a causa del venir meno della fonte di reddito, stante l’emergenza epidemiologica in corso.
Quanto previsto nel presente avviso pubblico costituisce quadro attuativo degli elementi dell’art. 12 della legge 241/90 e degli obblighi di trasparenza e pubblicità, stabiliti dagli art. 26 e 27 del D.Lgs 33/2013.
Art. 2 – Definizioni
Ai fini del presente regolamento si intendono:
a) per “generi di prima necessità” i prodotti alimentari, per l’igiene personale – ivi compresi pannolini, pannoloni, assorbenti – e prodotti per l’igiene della casa, in nessun caso sarà consentito l’acquisto di alcolici.
b) per “soggetti beneficiari”, le persone fisiche in possesso dei requisiti di cui all’art. 4 del presente disciplinare.
c) per “buono spesa,” il titolo spendibile negli esercizi commerciali più vicini al luogo di attuale dimora.
Art. 3 – Importo del buono spesa
Il buono spesa è una tantum e l’importo è determinato come segue:
Per i nuclei che al momento della presentazione dell’istanza non percepiscono nessuna forma di reddito o contributo/misura di sostegno pubblico
COMPOSIZIONE DEL NUCLEO
IMPORTO
UNA SOLA PERSONA
€ 100.00
NUCLEI da 2 persone
€ 200.00
NUCLEI da 3 a 4 persone
€ 300.00
Nuclei con 5 persone o più persone
€ 400.00
Coloro i quali sono già percettori di un sostegno economico pubblico o di una forma di reddito possono essere beneficiari del buono spese pari alla differenza fra lo scaglione di appartenenza del proprio nucleo familiare e l’importo del sussidio economico percepito.
L’ammontare del fondo assegnato al Comune di Crotone è pari ad Euro 574.596,92.
Art. 4 Criteri d’accesso
Possono presentare istanza, da rendere ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 445/2000, tutti i cittadini in possesso dei seguenti requisiti:
Residenza nel Comune di Crotone;
attuale disponibilità economica non superiore ad € 3.000,00,- in riferimento ad entrate recenti e/o giacenza su c/c o altri strumenti di deposito immediatamente smobilizzabili, – che non consente l’approvvigionamento di generi alimentari o di prima necessità.
Per ogni nucleo familiare (come da stato di famiglia) è possibile presentare un’unica domanda di accesso al presente Avviso.
Occorrerà a tal fine dichiarare
la composizione del nucleo familiare (anche unipersonale);
di non essere assegnatari come nucleo familiare o come singolo componente di sostegni pubblici
ed in subordine
di essere assegnatario come nucleo familiare o come singolo componente di sostegno pubblico (reddito cittadinanza, reddito di inclusione, tirocini di inclusione sociale, pensioni a qualsiasi titolo ecc, ASDI e NASPI, Cassa integrazione ordinaria e Straordinaria) e altre forme previste dalle norme;
di non percepire reddito da lavoro dipendente o da attività lavorativa privata autonoma o da lavoro occasionale o altra forma a partire dal 01.03.2020
ed in subordine
di percepire reddito da lavoro dipendente o da attività lavorativa privata autonoma o da lavoro occasionale o da immobili dati in fitto, pari a €……….;
la disponibilità di depositi bancari e postali ed eventuali mutui per i quali non è stata richiesta la sospensione.
Art. 5.
Trasmissione delle istanze.
Al fine di contenere i rischi del contagio le istanze, di cui al modulo allegato, devono essere trasmesse, congiuntamente al documento d’identità, nelle modalità di seguito indicate:
– a mezzo pec al seguente indirizzo protocollocomune@pec.comune.crotone.it
– a mezzo mail al seguente indirizzo assistentesociale@comune.crotone.it
ENTRO E NON OLTRE IL 7 APRILE 2020
Solo ed esclusivamente per i cittadini impossibilitati a trasmettere il modulo a mezzo pec/mail, cioè in via eccezionale e residuale esclusivamente per coloro che non sono dotati di strumenti informatici e accesso ad internet, nel rigorosissimo rispetto delle disposizioni emanate dalle autorità competenti, sarà consentita la trasmissione cartacea presso il Protocollo del Comune di Crotone, Piazza Della Resistenza n. 1 secondo quanto previsto nell’Ordinanza Commissariale n.185/2020.
Art. 6 – Modalità di assegnazione
Così come previsto al comma 6, dell’art. 2 dell’Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n° 658 del 29 marzo 2020 che testualmente recita ” … omississ .. per soddisfare le necessità più urgenti ed essenziali, con priorità per quelli non già assegnatari di sostegno pubblico” sarà data priorità a coloro che non sono assegnatari di altro sostegno pubblico (reddito cittadinanza, reddito di inclusione, tirocini di inclusione sociale, pensioni a qualsiasi titolo ecc, ASDI e NASPI, Cassa integrazione ordinaria e Starordinaria) ed altra forma di reddito.
L’avviso è a scorrimento dei richiedenti aventi diritto, fino all’esaurimento delle somme assegnate.
Per i fondi eventualmente non assegnati, si procederà, in funzione delle eventuali somme residue, ad un’ ulteriore assegnazione ai richiedenti bisognosi.
Nel caso di istanze superiori alle disponibilità finanziarie l’Amministrazione provvederà ad individuare opportuni criteri affinchè l’assegnazione sia garantita ai più bisognosi.
I “Buoni Spesa ” verranno assegnati nella misura dettagliata nell’art. 3 “Importo del buono spesa” di cui al presente AVVISO, entro il limite della somma stanziata dall’Amministrazione Comunale.
L’Amministrazione comunale approverà l’elenco dei soggetti beneficiari con atto pubblico e nel rispetto della privacy di ciascuno.
Art.7 – Modalità di utilizzo del buono spesa
Il beneficiario si impegna a spendere il “buono spesa” presso l’esercizio commerciale più prossimo alla propria abitazione in relazione alle prescrizioni restrittive ed imposte dalle Autorità a seguito dell’attuale emergenza sanoitaria.
Art. 8 – Adempimenti in materia di pubblicità, trasparenza e informazione e rapporto con la tutela della riservatezza
Il responsabile del servizio è competente per l’applicazione degli obblighi previsti in materia di pubblicità, trasparenza e informazione, previsti dagli artt. 26 e 27 del d.lgs. 33/2013.
I dati relativi al procedimento di cui all’OCDPC n. 658 del 29/03/2020 sono trattati nel rispetto del Regolamento UE 679/2016 e del D.lgs. 101/2018, unicamente per le finalità connesse alla gestione del procedimento.
Art. 9 – Disposizioni finali
Per quanto non previsto dal presente regolamento, si fa riferimento alla normativa statale e regionale e comunale vigente.
L’Ente si riserva la facoltà di effettuare tutti gli accertamenti atti a verificare la veridicità e la correttezza delle informazioni dichiarate e di richiedere documentazione integrativa.
Le dichiarazioni mendaci saranno punite ai sensi di legge (Art.75 e 76 del DPR 28 dicembre 2000 n.445) e le relative richieste escluse dai benefici del presente Avviso pubblico.
Il Comune nel caso di dichiarazioni dubbie invia la documentazione agli organi competenti per il controllo dei redditi e di tutto quanto dichiarato nelle autocertificazioni.
Il Responsabile del procedimento: Dott.ssa Alessandra Mesoraca – Responsabile PO dei Servizi Sociali del Comune di Crotone, e-mail: mesoracaalessandra@comune.crotone.it
Il Dirigente
Dr.ssa Teresa Sperlì