Crotone,
Tempo di lettura: 1m 47s

Coronavirus, Crotone: l’Oss dedica il camice a “Galardo 4”

"Galardo 4" il camice di Pier Paolo Ussia

Da quasi due mesi medici, infermieri, operatori socio sanitari di tutta Italia stanno combattendo in prima linea la battaglia contro il Covid-19 (coronavirus) in tutti gli ospedali. Turni difficili, lunghi e stressanti. E allora per allentare un po’ la tensione e per cercare di continuare comunque a tenere il sorriso sulle labbra, in molti hanno deciso di dedicare il proprio camice e la tuta di lavoro agli idoli delle squadre che amano. Da Totti a Del Piero, da Ibrahimovic a Lukaku e Cristiano Ronaldo.

Qualcuno, come Pier Paolo Ussia, operatore socio sanitario all’ospedale San Giovanni di Dio di Crotone, ha deciso di dedicarlo al suo idolo, o meglio all’idolo di molti, tanti, crotonesi, ad una bandiera che non smetterà mai di sventolare: Antonio Galardo.

Piero ha preso il pennarello e sul petto ha disegnato il numero 4, quello della maglia del “Capitano” e la scritta “Galardo“, come se fosse quella maglia rossoblu che la società del Crotone ha deciso di ritirare il giorno dell’addio al calcio di Antonio Galardo.

Antonio Galardo sei stato una vera bandiera 💙❤️” è stato il messaggio di Piero.

Un messaggio che ha sorpreso e commosso Galardo che ha contattato Pier Paolo Ussia per ringraziarlo prima di tutto per quello che stanno facendo e affrontando in questo momento, ma anche per aver pensato a lui.

La voce al telefono è emozionata: “Quando mi hanno fatto vedere quella foto mi sono molto emozionato, ma ho voluto ringraziare personalmente Pier Paolo e con lui tutti i medici, infermieri e personale sanitario dell’ospedale di Crotone per tutto il lavoro che stanno facendo al servizio della comunità. Non mi aspettavo questa cosa considerato che l’avevo vista solo con i nomi dei grandi campioni, ma mi ha fatto davvero tanto piacere. Speriamo di uscire tutti il prima possibile da questo che sembra un incubo. E per uscirne dobbiamo fare tutti qualcosa e attenerci a quello che dicono le autorità e i medici”.