Crotone,
Tempo di lettura: 1m 28s

Bonifiche: Taranto e Crotone chiedono di velocizzare i tempi di nomina dei commissari

«Non si può rimandare ancora, la salute dei cittadini non può più aspettare». Hanno esordito così i due commissari straordinari di Taranto e Crotone, Gianfranco Chiarelli e Alfio Pugliese, all’incontro che si è tenuto ieri a Roma con il sottosegretario per il Sud e coesione territoriale Dalila Nesci.

Un incontro proficuo dove Chiarelli e Pugliese hanno messo sul tavolo diversi temi legati alle difficoltà che i due territori stanno affrontando. Dal confronto è emerso chiaramente l’intento comune di rendere efficiente e rapida la nomina dei due commissari straordinari per gli interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione dell’area di Taranto e di Crotone.

«Le bonifiche delle aree inquinate del nostro territorio rappresentano una priorità, non solo per mitigare i rischi ai danni della popolazione ma anche per rimuovere gli ostacoli allo sviluppo» ha dichiarato il Sottosegretario Nesci che ha ribadito come il Governo stia lavorando per procedere con la massima urgenza alle bonifiche dei Siti di Interesse Nazionale di Crotone-Cassano-Cerchiara e Taranto e alla nomina del dei commissari.

Tra i punti affrontati quello delle risorse stanziate e del loro impiego anche per la realizzazione di opere infrastrutturali non solo per bonificare le aree ma anche per favorirne il rilancio in termini produttivi e di sviluppo. Passaggi fondamentali per il rilancio di tutta la costa jonica.

«Dopo anni di politiche industriali controproducenti– ha aggiunto il sottosegretario Nesci – il Sud ha il diritto di ripartire guardando alla crescita sostenibile. Continuiamo a garantire il massimo impegno per favorire la transizione ecologica dei territori e la rinascita delle aree inquinate di Crotone e Taranto».