Crotone,
Tempo di lettura: 10m 44s

Akrea approva il bilancio: criticità finanziaria “ma azienda in salute e pronta ad affrontare nuove sfide”

Garanzia di stabilità e capacità di operare in condizioni di continuità aziendale. E’ la fotografia attuale di Akrea Spa il cui bilancio consuntivo 2021 è stato approvato mercoledì scorso dall’assemblea dei soci. L’esercizio si è chiuso in sostanziale pareggio, nello specifico con un avanzo di 7.422 euro (+507,37% rispetto ai 1.222 dell’anno precedente).

La gestione non è stata per nulla agevole in considerazione delle tante variabili, di ordine finanziario soprattutto, che hanno condizionato gli investimenti e la pianificazione delle attività. Nonostante ciò, l’azienda mostra chiari segni di consolidamento che fanno guardare con fiducia al prossimo futuro.

Di seguito un abstract della Relazione sulla gestione e dei dati di bilancio che hanno segnato il percorso dell’ultimo anno. Il documento integrale è consultabile qui.

Igiene Ambientale – Dal 18 dicembre 2020 è in vigore il nuovo contratto di servizio per gli anni 2021-22, con i corrispettivi riconosciuti alla Società stabiliti con delibera del Commissario Straordinario nell’agosto 2020. Per effetto della riformulazione si è operato il taglio della spesa necessaria per far fronte agli investimenti in automezzi ed attrezzature, una situazione che ha penalizzato notevolmente la società, inibendo di fatto la possibilità di realizzare in tempi rapidi il rinnovo del proprio parco mezzi, ormai vetusto, e delle attrezzature idonee per il servizio di RD.

Verde Pubblico – Akrea ha assicurato la continuità del servizio di manutenzione e gestione del verde pubblico e dell’arredo urbano per tutto l’anno 2021, uniformandosi all’Atto di indirizzo in materia di attività manutentive del verde pubblico di cui alla deliberazione della Giunta Comunale n. 56 del 22 febbraio 2021. A decorrere dal 1 gennaio 2022 il servizio è gestito integralmente dal Comune.

Emergenze rifiuti – Le emergenze che ciclicamente si sono manifestate nel corso del 2021 hanno determinato un inevitabile aggravio dei costi, con un forte stress dell’organizzazione e del parco automezzi e la conseguente penalizzazione dei risultati di RD. Tra gli eventi che hanno maggiormente condizionato i risultati, l’alluvione del Novembre 2020, i cui effetti si sono protratti per tutto il 2021; il guasto tecnico che in Aprile ha bloccato l’attività del TMB di Ponticelli; la chiusura nel mese di Luglio della discarica di Columbra che ha determinato un fermo del servizio di raccolta particolarmente critico vista l’impossibilità per I’Ato Crotone di poter conferire in altra provincia. Situazioni che hanno drasticamente ridotto la capacità finanziaria dell’azienda pregiudicando la possibilità di realizzare una serie di interventi pianificati per l’ampliamento e l’efficientamento del servizio RD e il miglioramento della funzionalità delle isole ecologiche (oggi non adeguatamente attrezzate rispetto al regolamento) e del deposito automezzi e attrezzature.

Ingombranti e RAEE abbandonati su strada – E’ il vero vulnus del sistema. A causa dell’abbandono di rifiuti ingombranti di ogni genere (materassi, televisori, frigoriferi, suppellettili, mobili), il recupero dei rifiuti abbandonati illecitamente richiede un servizio aggiuntivo apposito con aggravio di costi operativi. Sono state identificate circa 25 aree critiche nel territorio urbano, comunicate a luglio al Comune per l’attivazione di sistemi di controllo atte quantomeno a ridurre l’impatto di un fenomeno cresciuto a dismisura negli ultimi anni.

Personale e Organizzazione – Si è concluso il processo di mappatura delle competenze avviato nel corso del 2020 quale importante strumento di check-up organizzativo, necessario per incrementare le competenze tecnico-gestionali soprattutto nel settore tecnico. Per ciò che concerne il servizio Raccolta e Spazzamento, per fare fronte alla problematica del sottodimensionamento (-20 unità) e l’età media del personale (55 anni) con oltre il 50% con limitazioni e prescrizioni, l’Assemblea dei soci ha deliberato in settembre la “Realizzazione del nuovo progetto regionale di raccolta differenziata” e lo schema di Accordo sindacale relativo ai lavoratori ex Akros, quale presupposto essenziale al raggiungimento degli obiettivi aziendali. L’impegno finanziario per l’attuazione del suddetto accordo (92.171,28 euro per l’assunzione pro tempore di 18 lavoratori) era stato assunto dal Comune in qualità di socio/committente, ma è stato purtroppo disatteso non essendo state definite le necessarie azioni amministrative.

Attività di comunicazione – Un forte impulso è stato dato in quest’ultimo anno all’attività di comunicazione, che si è caratterizzata per un articolato concept di comunicazione integrata, sociale e istituzionale, puntando al raggiungimento di due obiettivi strategici: migliorare il posizionamento, la tutela del brand e dell’immagine dell’azienda nella percezione di cittadini, istituzioni e operatori; creare empatia con la comunità civile, con il mondo dell’associazionismo, ambientalista in particolare, e con le categorie produttive. Oggi la relazione azienda-utente è notevolmente migliorata, grazie anche a una più efficace capacità di mediazione con la pubblica opinione e con i partner istituzionali, che ha consentito di accrescere la comprensione del complesso sistema dei rifiuti e delle sue filiere. Altresì si è consolidato il fecondo rapporto con le associazioni ambientaliste, con le quali Akrea oggi collabora assiduamente sui temi dell’ecologia e della promozione dei valori.

Comunicazione sociale

#RISPETTALATUACITTA, campagna di sensibilizzazione civica sui temi ambientali e del decoro urbano focalizzata sul senso di appartenenza comunitario. Sono stati elaborati video che hanno coinvolto campioni rappresentativi della società civile, i cosiddetti “testimonial del civismo”. Per l’occasione sono stati realizzati alcuni gadget (magliette, zainetti, borse da mare, borracce, posacenere tascabili, contenitori di sacchetti per le deiezioni canine) connotati da logo e pay-off dal forte significato identitario.

“Educational tour”. Eventi informativi ed educativi sulla filiera dei rifiuti e sulla raccolta differenziata svolti in presenza e via webinar nelle scuole (classi primarie e secondarie) in partnership con il WWF.

“Eco Days”. In collaborazione con le maggiori Associazioni ambientaliste cittadine sono state realizzate giornate ecologiche alle quali Akrea ha contribuito fornendo supporto logistico ai volontari, i sacchetti per la raccolta dei “rifiuti da spiaggiamento”, distribuiti lungo le spiagge libere della città, e collocando durante il periodo estivo appositi contenitori per tali rifiuti nelle direttrici di accesso al centro cittadino.

“Rifiuti marini”. In occasione della manifestazione velistica Carnival Race è stato fornito specifico supporto di comunicazione mediante elaborazione di un manifesto contenente un messaggio di sensibilizzazione ambientale.

Altre iniziative di promozione sociale e di responsabilizzazione dell’utenza commerciale sono state condotte in collaborazione con Sib (Sindacato balneari) e Confcommercio. Nel primo caso l’azienda ha donato alcune sedie da mare per disabili a due stabilimenti balneari della città; nel secondo, sono stati elaborati messaggi mirati agli esercenti al fine di responsabilizzare la categoria sul corretto conferimento dei rifiuti commerciali, in particolare durante la stagione estiva. Contemporaneamente è stata svolta un’intensa collaborazione con i Comitati di Quartiere fornendo supporto con materiali e servizi di comunicazione durante le manifestazioni organizzate.

Comunicazione istituzionale

Il sito web è stato completamente rielaborato nel febbraio 2021 e arricchito di nuove funzionalità quali, ad esempio, il Menu smart “Tutto rifiuti” con le indicazioni sul corretto smaltimento dei rifiuti domestici, e la sezione “Albo fornitori” aperta agli operatori economici per la partecipazione ai bandi di gara. Secondo i dati ricavati da Analitics relativi al periodo maggio 2021-maggio 2022 i visitatori unici sono oltre 24mila per un totale di 260mila pagine consultate. La percentuale di utenti unici corrisponde a oltre il 70% della popolazione web attiva nella città di Crotone e circondario.

La pagina Facebook, sia pure utilizzata in funzione di customer care, ha fornito una soddisfacente redemption in termini numerici con un incremento del gradimento pari al 270% rispetto all’anno precedente. Il canale è stato utilizzato essenzialmente in modalità “espansiva” delle notizie pubblicate sul sito web, in ossequio alla scelta aziendale che ha privilegiato, anche per motivi tecnico-economici, il tono “istituzionale” della divulgazione all’ “engagement emozionale” dei social.  Nonostante i servizi di Rd non siano ancora pienamente sviluppati e malgrado un utilizzo parziale del canale social, la pagina registra una percentuale di feedback positivi pari al 97% del totale delle interazioni, a cui corrisponde una crescita costante di like, follower e di utenti che utilizzano il client di messaggistica “Messenger”.

E’ stata inoltre realizzata una sezione dedicata nell’app Città di Crotone (25mila utenti registrati), utilizzabile da smartphone, che ripropone le funzionalità del sito web.

La gestione dei rifiuti – Grazie ad una migliore razionalizzazione della spesa e a un continuo efficientamento delle attività operative, Akrea è riuscita ed effettuare investimenti in automezzi, attrezzature e a migliorare l’organizzazione del servizio in misura tale da portare la percentuale RD da una media del 16.31% del primo periodo dell’anno al 22,4% a fine 2021 (+37%). L’incremento è stato dell’83%, se confrontato con l’analogo periodo del 2020 quando la percentuale era ferma al 12,2%.
Nei primi sei mesi dell’anno sono state avviate attività per il miglioramento e l’allargamento del perimetro RD stradale, con il posizionamento di 215 cassoni da 2.400 lt. (secco differenziato) e 82 cassonetti da 1.100 lt. (organico). Nel periodo estivo è partita la raccolta RD in tutta la zona del lungomare cittadino e nella parte di litorale occupata dagli stabilimenti balneari, e si è dato avvio alla raccolta porta a porta e di prossimità in otto quartieri, servendo un totale di circa 7.300 abitanti. A fine 2021 il 27% della popolazione crotonese è servita, con modalità complementari, con una raccolta RD completa (tutte le 5 frazioni di rifiuto); il 55% della popolazione è servita da RD secco differenziato, mentre il rimanente 18% è servito da almeno un servizio RD. Questo ultimo segmento rappresenta la priorità di intervento di Akrea per il 2022.

Investimenti – Ammontano a poco meno di 350mila euro gli investimenti effettuati nel settore Igiene Urbana, relativi all’acquisizione di attrezzature e mezzi destinati al servizio. Purtroppo non è stato possibile completare il programma di acquisizioni nell’esercizio 2021 a causa della limitata capacità finanziaria della società alla luce del perdurare della posizione debitoria del socio unico Comune di Crotone. Al 31 Dicembre 2021 la Società vantava una esposizione creditoria netta per Euro 2.353.655 verso il Comune azionista unico. I crediti si riferiscono prevalentemente a prestazioni di servizio Verde Pubblico, alla cessata gestione Sosta Regolamentata, agli interventi di somma urgenza dovuti agli eventi meteorologici del novembre 2020. Inoltre, in forza del nuovo contratto di servizio per gli anni 2021-22, la società è stata autorizzata a proseguire per tutto il 2021 nei rapporti con gli impianti di recupero/trattamento per il conferimento dei rifiuti ingombranti e dei rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata, i cui oneri sono contrattualmente a carico del socio Comune di Crotone e, conseguentemente, fatturati all’ente di riferimento a titolo di rivalsa costi.

Principali dati di bilancio

Lo stato patrimoniale dell’azienda al 31 dicembre 2021 mostra un netto consolidamento, registrando una variazione del 12,82% pari a euro 912.903 con un incremento delle immobilizzazioni nette pari a euro 92.002 (4,35%). Complessivamente il patrimonio netto ha subito una variazione dello 0,49% pari a Euro 7.425.

Il valore della produzione è passato dai 6.667.994 euro del 2020 ai 7.457.599 nel 2021. Il saldo finale ha registrato una variazione di 789.605 euro. I ricavi derivanti dalle prestazioni di servizi che costituiscono oggetto dell’attività aziendale ammontano a 7.148.217,59 (+12,14% rispetto al consuntivo precedente). Nel dettaglio: dal servizio di igiene ambientale 6.090.909,05 euro; da prestazioni di bonifica e verde pubblico 368.852,46 euro; da rivalsa costi smaltimento rifiuti ingombranti 227.272,73 e da rivalsa costi selezione e recupero differenziata 287.688,90 euro. Le entrate da recupero della raccolta differenziata sono state pari a 173.494,45 euro.

I costi della produzione ammontano complessivamente a euro 7.310.344,25 con un scostamento rispetto al consuntivo precedente pari a +10,44%. In particolare, la voce personale (121 unità, di cui 18 a tempo determinato) registra 4.675.738,70 (+1,88%); le spese per materie prime di consumo e merci ammontano a 491.626,30 (+14,46% sull’anno 2020); le spese per i servizi 1.337.294,24 (+16,82%).

Accantonamenti per rischi. Per far fronte a spese legali e richieste di risarcimenti in merito alle vertenze in atto con i lavoratori del Verde pubblico, della Sosta regolamentata e di altro personale dipendente sono stati accantonati fondi pari a 239.000 euro, mentre poco più di 59.000 euro sono stati utilizzati per un incremento prudenziale del fondo svalutazione crediti.