Crotone,
Tempo di lettura: 1m 58s

Abramo cc verso il fallimento, le istituzioni adesso dovrebbero muoversi a tutela dei lavoratori

Abramo cc verso il fallimento. È questo lo scenario più probabile che potrebbe aprirsi tra meno di un mese. La lettera inviata dai commissari a Francesco

Canino, della Fiste Cgil, sembra lasciare pochi: “Spett.le FISTEL CISL CALABRIA,
in risposta alla Vostra richiesta di aggiornamenti per la procedura in oggetto, la presente per comunicarVi quanto segue.
Con decreto del 16-17.06.2021 l’ On. Tribunale di Roma Sez. Fallimentare ha dichiarato aperta la procedura di concordato preventivo proposta da Abramo Customer Care S.p.A.. (“ACC”) e nella medesima data, accogliendo l’istanza presentata dalla società, ha dichiarato apertura la procedura competitiva ex art. 163 bis L.F., emanando il relativo Regolamento di Vendita per la cessione del complesso aziendale, con udienza fissata al 22.07.2021 ore 12.00 per l’esame e la deliberazione sulle offerte e/o per la gara tra più eventuali offerenti.
Nell’udienza del 22.07.2021 il sig. G.D., non rinvenendo alcuna offerta all’incanto, ha dichiarato l’asta deserta.
Atteso l’esito negativo della procedura competitiva, gli scriventi Commissari, in data 22.07.2021, hanno depositato istanza/informativa / relazione ai sensi dell’art. 173 co. 3 l.f. in cui si è dato atto del venir meno delle condizioni di fattibilità del piano concordatario.
In data 8-9.09.2021, il Tribunale, vista la Relazione ex art. 173. l.f., ha fissato l’udienza collegiale per la comparizione del preponente, dei commissari giudiziali e del P.M. In tale sede, la ACC ha richiesto al Tribunale un differimento dell’udienza al fine di poter valutare un’ulteriore offerta d’acquisto pervenuta.
Successivamente, in data 17.11.2021, la ACC ha depositato la dichiarazione di revoca della proposta di concordato preventivo, a fronte della quale il Tribunale ha fissato, per la comparizione della ACC spa, dei Commissari Giudiziali e del P.M. l’udienza camerale per il prossimo 12.01.2022.
A fronte di quanto sopra esposto, la convocazione dei creditori, prevista per il prossimo 16.12.2021, seppur in assenza di formale provvedimento, non si terrà.
Distinti saluti


I Commissari
Dott. Maurizio De Filippo
Avv. Roberto Mardarella”

È quindi arrivato il momento di muoversi, e in fretta, per cercare una soluzione per tutti i lavoratori ancora in Abramo che vivono queste Natale con le anime sospese.