Crotone,

Panni stesi e la “perversione” igienica. Terza puntata

Ci sono, tra le casalinghe, e quelle crotonesi non fanno eccezione, delle vere fanatiche del bucato, donne che lavano panni ogni giorno e ogni giorno stendono con una invidiabile, si fa per dire, pervicacia. Sono quelle che tengono al pulito, dicono, quelle che vogliono mariti e figli sempre profumati e lindi e pinti, alla faccia delle altre comari “sporcaccione” (a cui sospetto che non freghi niente se sono o meno sporcaccione). E lavano altrettanto spesso lenzuola e lenzuolini sicché i loro balconi sono una vera e propria parata a festa di vessilli e bandiere che è un piacere guardarla. Come se, questa parata, annunciasse a tutti: qui laviamo, facciamo tanti bucati, stendiamo sulle nostre belle corde colorate… quindi noi siamo puliti. Bisognerebbe ricordare a queste donne il sillogismo di Totò: Tu lavi? Allora sei sporco. Ci sono, ancora, due mie dirimpettaie che fanno a gara a chi lava panni e li stende, più spesso. Hanno i balconi uno sopra l’altra e non passa giorno senza che sulle corde dell’uno o dell’altra ci sia un pannetto, un lenzuolo o la solita parata di bianchi e colorati. Ma io ho conosciuto anche casalinghe perverse. Sentite un po’: un’altra mia dirimpettaia, che aveva tre figli, un giorno mi confessò che 1) spendeva un quarto dello stipendio che le passava il marito in detersivi e 2) che faceva fare il bagno ai suoi tre figlioletti ogni sera, dico ogni sera. E 3) che ovviamente faceva un bucato dei panni ogni giorno. Un inferno! ma lei era contenta. Se non è perversione “igienica” questa. Passando sotto il suo balcone, anni fa, avreste potuto anche voi capire che quel bucato giornaliero non era cosa giusta: non si lavano così facilmente l’inquietudine tipica di certe casalinghe frustrate e la coscienza. Anche se il sole comunque fa lo stesso il suo dovere, sempre. E ve lo immaginate le sessioni di stiratura di questa povera donna? Sempre, ogni giorno, alle prese col ferro da stiro, col vapore che aleggia ovunque, con la pila sempre più alta di panni già stirati e da mettere poi a posto…

Gentile da Rocca

Tag:,

Istituto S.Anna