Crotone,

Mamma, moglie, manager, sportiva, imprenditrice: ecco Emanuela Zappalà, la signora Izco

di Michela Bastone

Si chiama Emanuela Zappalà, ed è per definizione una vera donna multitasking: mamma, moglie, sportiva, manager.

È siciliana Emanuela, nata a Catania, vive da pochi mesi a Crotone, infatti è la moglie di Mariano Izco, in forza alla squadra del Crotone.

Ma anche Emanuela è una sportiva di serie A: ha infatti vestito i colori della nazionale nella squadra di sci di fondo e skiroll (sci su due ruote) e ricorda con affetto, il secondo posto in Coppa del Mondo a Domodossola, nella prova valida per l’assegnazione del titolo europeo della impegnativa disciplina sportiva, e la medaglia d’oro a squadre ai Campionati mondiali di Pinzolo.

Una coppia di sportivi, la vostra: tu campionessa di sci di fondo e skiroll e Mariano calciatore nella serie A. Ora l’allenamento più difficile sono i pargoletti di casa?

«Essere mamma di due bimbi piccoli è molto faticoso è vero, anche perché cerco di fare tutto io; Santiago ha 2 anni, Tomas 9 mesi, quindi non è facile incastrare tutto, ma io mi organizzo bene, non ho tate, e mi occupo in prima persona di tutto il ménage famigliare, anche se devo dirla tutta sono fortunata Mariano è un papà complice».

Sei nata in una terra circondata dalle acque, ma alle pendici dell’Etna, il tuo rapporto con il mare…

«Il mio primo amore è la montagna, quando sono in cima mi sembra di essere in paradiso, non ho messo gli sci al chiodo, adoro sciare e sentire l’odore della neve, ma ovviamente una catanese che vive a Crotone, non può non approfittare del sole e del mare. Mi alleno sulla spiaggia e continuo a postare su Instangram i miei allenamenti anche in spiaggia. Sono social e quindi mi piace condividere la bellezza di questa terra».

Siete arrivati a Crotone ad inizio estate. Qual è stato l’impatto con la città e con i tifosi?

«Crotone nei colori e negli odori mi ricorda la mia Catania; e poi c’è il calore della gente che ti fa sentire a casa tua. I tifosi anche loro sono calorosissimi, vicini alla squadra e sempre li a sostenerli. È una festa andare allo stadio, vedo molti giovani e anche molte famiglie, il calcio è entrato a far parte della vita della città».

Cosa prepari di solito davanti ai fornelli e cosa ti piace del cibo Crotonese?

«Sono una donna molto pratica, ma attenta all’alimentazione: la pasta al farro è per noi fondamentale, condita con il pomodoro è il giusto connubio tra gusto e sana alimentazione. Ma a Natale mi sono innamorata dei “crustuli”, sono tra i dolci più buoni che io abbia mai assaggiato».

Cosa indossi per andare a vedere una partita di serie A?

«Vedere una partita di calcio è come partecipare ad una festa, quindi ci si veste con attenzione però preferisco essere alla moda ma comoda, quindi pantaloni, jeans e soprattutto tacchi non troppo alti».

Ma Emanuela è anche manager: quale il progetto che stai portando avanti a Crotone?

«Con Giovanna Cuomo, sto lanciando una linea che è tra lo sportivo e l’elegante, tutto made in Crotone, noi ci occupiamo dell’intera filiera che va dalla creazione alla realizzazione. Abbiamo per questo creato un laboratorio accanto allo show room, per coordinare le varie fasi avvalendoci di quattro sarte e due commesse; insomma una piccola realtà aziendale».

Tag:,

Profumeria Carolei