Sassari,

Boss di Palmi al 41bis deve scontare 7 ergastoli, ma potrà andare a casa della mamma, condannata all’ergastolo

foto: Archivio

Lui è al 41bis e deve scontare 7 ergastoli, la mamma ha 91 anni e deve scontare una condanna all’ergastolo per associazione mafiosa e omicidio, ma presto i due potrebbero incontrarsi a Palmi, a casa della donna. Loro sono Domenico Gallico, boss di Palmi, e la mamma Lucia Giuseppa Morgante.

Questa la clamorosa notizia riportata dall’Ansa che pubblichiamo di seguito.

“Potrebbe uscire dal carcere per andare a trovare la madre malata il boss di Palmi Domenico Gallico. Il capomafia calabrese, che sconta nel carcere di Sassari, al 41 bis, 7 ergastoli e decine di anni di carcere per associazione mafiosa, omicidi e riciclaggio, ha ricevuto un permesso dal magistrato di sorveglianza. Nel 2012, durante un interrogatorio in carcere, aggredì e ruppe il naso all’allora pm della DDA Giovanni Musarò e ferì due agenti penitenziari.

La madre di Gallico, Lucia Giuseppe Morgante, 91 anni, è stata condannata all’ergastolo per associazione mafiosa e omicidio, ma ha ottenuto un differimento dell’esecuzione della pena per motivi di salute. Attualmente si trova nella sua casa di Palmi. L’incontro col figlio – i due non si vedono dal 2012 – dovrebbe avvenire dunque nel paese di origine del boss. Nel referto del medico che ha visitato la donna si esclude peraltro che questa sia in pericolo di vita, pur dando atto che le sue condizioni fisiche non sono buone. Nella decisione del magistrato di Sassari, “vistata” dalla Procura della città, si dà atto dell’allarme lanciato dagli investigatori sui rischi della concessione del permesso. “La madre di Gallico – scrive il magistrato riportando un’informativa del commissariato di Palmi – si è dichiarata disposta a ricevere il figlio per un eventuale permesso: la stessa abita in un palazzo sottoposto a confisca insieme al figlio Carmelo, pluripregiudicato, ora sottoposto alla sorveglianza speciale. Il genero Vincenzo Misale ha l’obbligo di presentazione ai carabinieri e l’obbligo di dimora nello stesso comune”. La concessione del beneficio, per gli investigatori, “è sconsigliata temendosi tra l’altro un possibile tentativo di evasione alla luce della caratura criminale del boss, capo dell’omonima ‘ndrina e responsabile di numerosi omicidi”. “La Dda di Reggio Calabria – dà atto lo stesso magistrato di sorveglianza – reputa l’eventuale permesso assolutamente rischioso trattandosi di detenuto estremamente pericoloso che ha dato prova di avere approfittato di ogni minimo spazio di libertà per commettere atti illeciti”. Ma per il giudice, viste le gravi condizioni cliniche della donna, che potrebbero precipitare da un momento all’altro, negare a Gallico il permesso renderebbe la carcerazione contraria al senso di umanità”. (Ansa)

Nel maggio del 2017 i magistrati di Palmi e della DDA di Reggio Calabria, avevano ordinato una perquisizione a casa di Lucia Giuseppa Morgante dove fu sequestrata la carta d’identità valida per l’espatrio rilasciata dal Comune di Palmi nel mese di agosto 2016. Secondo gli inquirenti, quella carta di identità non poteva e non doveva essere rilasciata visto il regime di detenzione domiciliare della donna, che tra l’altro versa in una delle condizioni ostative al rilascio di qualunque documento valido per l’espatrio. Di questo particolare, secondo i magistrati, gli Uffici Anagrafici del Comune di Palmi ne erano perfettamente a conoscenza visto che la cosa era stata comunicata dalla Polizia Locale. Nell’indagine risultarono indagati, in concorso con la Gallico (accusata anche di falso), un funzionario e un dipendente dell’Ufficio Anagrafe del Comune di Palmi accusati del reato di abuso d’ufficio per aver favorito la stessa.

Tag:, , , ,

Istituto S.Anna