Crotone,

Going Clear: Scientology e la prigione della fede

Un film documentario prodotto dalla HBO e basato sul controverso mondo della chiesa di Scientology

going-clear-scientology-e-la-prigione-della-fede-poster-locandina-2015-1Diretto dal premio Oscar Alex Gibney e basato sul libro del vincitore del premio Pulitzer Lawrence Wright, “Going clear: Scientology e la prigione della fede” è un film-documentario che non può lasciare indifferenti perché, attraverso testimonianze, documenti e filmati d’archivio, si ripercorrono le origini, i metodi e le finalità del controverso culto di Scientology e le vicende oscure che ebbero per protagonista il suo fondatore, L. Ron Hubbard, per poi passare ad analizzare l’esponenziale aumento di popolarità che negli ultimi decenni ha portato l’organizzazione ad accumulare un patrimonio, per lo più immobiliare, di oltre tre miliardi di dollari.

Attraverso le immagini e le documentazioni si testimonia che il reclutamento dei nuovi adepti avviene promettendo loro sedute terapeutiche e consulenze per la carriera. Alcuni dei membri arrivano a sottoscrivere contratti di fedeltà di un miliardo di anni e la loro vita è tenuta sotto controllo in maniera ossessiva. Ex scientologisti tra cui Marty Rathbun, che divenne uno dei massimi dirigenti, Mike Rinder, che fu il portavoce ufficiale, l’attore Jason Beghe e il regista Paul Haggis, raccontano di aver subito trattamenti brutali che li hanno convinti, dopo anni di militanza, a chiudere la loro esperienza.

Il documentario di Gibney ha un tono autorevole e determinato e pone al centro dell’organizzazione di Scientology l’assurdità dei suoi contenuti teorici, basati principalmente sulla brama di denaro e potere.

Trailer:

Tag:,

Istituto S.Anna