Crotone,

Crotone-Sassuolo, Nicola: “Non dobbiamo smettere di attaccare”

Chi lo ha detto che le squadre che incontreremo da domenica in poi hanno già vinto sulla carta? Io penso proprio che non sarà così». Davide Nicola alla vigilia della partita contro il Sassuolo prova ricompattare il gruppo e far ripartire il campionato del Crotone.

 

Quella di ieri è stata una giornata piena di cose positive: la rosa è completamente a disposizione del tecnico, compreso Mesbah e la Commissione provinciale per i pubblici spettacoli ha dato il suo ok all’utilizzo dell’Ezio Scida il prossimo 23 ottobre, per completamente il quadro servirebbe una vittoria a Sassuolo.

 

«E’ chiaro – ha spiegato il tecnico – che se abbiamo conquistato un solo punto in otto partite è evidente che è quello che meritiamo, forse possiamo recriminare qualcosa relativamente alle partite di Palermo e di Empoli, ma io ho detto già ai ragazzi che loro hanno avuto e hanno piena fiducia. Da parte loro voglio coraggio e determinazione».

 

Riguardo alla partita contro il Sassuolo in programma domani a Reggio Emilia, Nicola ha annunciato delle novità. Il tecnico sta pensando ad un cambio di modulo e all’ipotesi di giocare dall’inizio con Stoian: «Come ho detto più volte, Adrian sa che può giocare dall’inizio. Questa è una possibilità, così come potrei impiegarlo a gara in corso come ho già fatto».

 

Sull’avversario il tecnico pitagorico dice: «Il Sassuolo è una squadra di grande spessore, ci sono individualità importanti e non lo dico ma lo dicono i fatti. Noi però non dobbiamo avere paura e dobbiamo essere consapevoli del nostro limite e del fatto che non dobbiamo mai smettere di attaccare perché nel momento in cui lo facciamo iniziamo a commettere degli errori che poi ci costano cari».

 

Quella di domani sarà la gara dei grandi ex, Ricci da una parte, Falcinelli e Trotta dall’altra, ma a questo proposito Davide Nicola dice: «Quella degli ex è una cosa che non si può controllare. Alcuni sentono forti le emozioni e sbagliano partita, altri si caricano di più. Non è detto. Riguardo a Trotta e Falcinelli io spero che loro possano trovare le giuste motivazioni nella gara di domenica come nelle altre».

 

 

Tag:,

Aurum