Crotone,
Tempo di lettura: 5m 53s

Un successo la seconda edizione della Festa di Architettura e dell’arte

E’ stata un successo, la seconda edizione della Festa di Architettura e dell’arte organizzata dall’Ordine degli Architetti PPC di Crotone, in parte per Il tema “sulle tracce di un futuro possibile” che ha suscitato notevole interesse e curiosità, ma senz’altro per il parterre dei relatori che si è alternato durante la due giorni di convegni, mostra e premiazioni.

Dopo aver ringraziato il Consiglio dell’Ordine, per il grande lavoro svolto in questi mesi messo a disposizione della Città, con le tante proposte e gli spunti che sono venuti fuori da questa due giorni, anche verso l’intero territorio, tenendo presente che mai come in questo momento il PNRR è un treno, che sia l’ultimo o meno, sul quale bisogna salire a tutti costi, per lo sviluppo e il futuro del Nostro territorio, il Presidente Livadoti è entrato subito nel vivo dei temi, anche alla luce della notizia sull’ennesima classifica negativa, giunta proprio mentre si stava discutendo di tali tematiche, che vede ancora una volta la provincia di Crotone collocata all’ultimo posto per qualità di vita in Italia. Per questo ulteriore motivo, riteniamo che la sfida del confronto sulle proposte, lanciata dal nostro ordine professionale, sia ancora maggiormente prioritaria.

Nel merito dell’evento, “abbiamo unito l’Italia degli Architetti da Nord a sud, compreso le isole”, ha dichiarato entusiasta il Presidente Francesco Livadoti, lo stesso è stato patrocinato dal Consiglio Nazionale degli Architetti, che ha partecipato con l’arch. Tiziana Campus (Sassari), Vicepresidente Nazionale, l’arch. Marcello Rossi (Milano) Consigliere Nazionale e l’arch. Paolo Malara (Reggio Calabria) Consigliere Nazionale; è stato patrocinato dall’Istituto Nazionale di BioArchitettura con la partecipazione della Presidente arch. Anna Carulli (anche Presidente della Fondazione degli Architetti di Messina) ed il giornalista Jose Villari (Messina) addetto stampa INBAR; è stato patrocinato dall’Ordine regionale dei Geologi della Calabria  con la partecipazione del Consigliere Regionale Dr.ssa Giuliana Teti; ed è stato arricchito dalla Partecipazione dell’arch. Raffele Cecoro (Presidente OAPPC di Caserta) Presidente del Coordinamento interregionale degli Ordini Architetti del Sud e dell’arch. Rino La Mendola (Presidente OAPPC di Agrigento) già Vicepresidente Nazionale e membro del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Il ricco programma della festa ha spaziato dalla Geosofia all’ecologia nel progetto, dalla Next Generation EU al PNRR fino al prossimo codice degli appalti, sui quali temi tutti i relatori hanno trovato assonanze territoriali e Nazionali, riconoscendo all’Ordine degli Architetti di Crotone una visione trasversale, coraggiosa ed attuale dei problemi delle Nostre Città e delle comunità dei cittadini.

Le “Ali” dell’Artista Giuseppe Caruso fotografate da tutti i partecipanti ed esposte insieme alle altre opere che hanno composto la mostra, hanno fatto da sfondo agli interventi del Geologo Antonio Giulio Cosentino, Presidente dell’Associazione “Le Pietre che narrano…” il quale, oltre a catturare l’attenzione della platea  con l”Archeosfera Crotonese, ha anche esposto la mappa geosofica di Crotone seguita dall’Architetto Elisabetta Dominijanni con il ricco racconto sull’Archeosfera dell’Antica Kroton; a concludere la prima parte della festa ci hanno pensato l’Arch. Eugenio D’audino (Consiglio Ordine e Vice Presidente Fondazione di Catanzaro) e l’arch. Anna Carulli, entrambi INBAR, che hanno affrontato il tema della Progettazione bioclimatica e l’atteggiamento ecologicamente corretto.

Il Presidente Livadoti, ha aperto la seconda giornata citando l’ex Presidente Nazionale Raffaele Sirica, “Siamo convinti che l´architettura di qualità rappresenta una delle risorse principali per lo sviluppo dei territori, per la riqualificazione Urbana delle Nostre Città, ed anche: “Conoscenza – Competitività – Innovazione”, a dimostrazione di quanto fosse forte la sua convinzione che bisognasse investire sulla cosiddetta “economia della conoscenza” e favorire le condizioni per un mercato che faccia competere sulla bravura e sulla qualità, contro la logica del massimo ribasso e della speculazione.

A seguire la lettura del messaggio giunto dall’On. Giuseppe Mangialavori, impegnato a Roma per l’approvazione della Legge di bilancio, “mi sarebbe piaciuto essere presente alla festa organizzata dall’Ordine degli Architetti di Crotone, città alla quale sono particolarmente legato, per dare il mio contributo come Presidente della Commissione bilancio del Senato e sentire dalla Vostra viva voce le Vostre critiche e i vostri appunti del nuovo codice degli appalti, certamente migliorabile….”  

Il Presidente della Provincia, Sergio Ferrari prendendo spunto dal titolo “PNRR, a che punto siamo?” ha rivolto l’invito agli Architetti ed ai presenti ad organizzare incontri quindicennali per conoscere lo stato dell’arte del cronoprogramma degli interventi del PNRR e di vedere negli Ordini Professionali un punto di riferimento per la qualità dei progetti che andranno a bando.

Il Sindaco della Città di Crotone Vincenzo Voce, riconoscendo il lavoro svolto dall’Ordine in questo ultimo periodo, ha ribadito la necessità per la città di avere professionisti preparati ad affrontare le sfide che aspettano la città, grazie a tutte le risorse attivate dall’amministrazione sia in tema di PNRR, ma anche con i CIS, Agenda Urbana, Antica Kroton, ecc., compreso la ripresa delle attività relative al PSC non più procrastinabili.

L’assessore al PNRR ed all’Urbanistica del Comune di Crotone, Ing. Luca Bossi, dopo aver fatto il punto sull’attività svolta dall’Amministrazione in ambito di PNRR, le prossime tappe che vedranno protagonisti i Professionisti della Città con i bandi sulla progettazione per andare a gara e avviare i cantieri e soprattutto l’importanza della qualità del Progetto.

Gli interventi conclusivi da parte dell’Arch. Rino La Mendola sull’importanza dei Concorsi di Progettazione e sulla dotazione del Fondo Concorsi per la Provincia di Crotone pari a circa 1 milione di euro, e della Vice Presidente Nazionale Tiziana Campus, sulle statistiche degli affidamenti di incarichi a seguito della vincita dei concorsi e sulle attività del Consiglio Nazionale a favore degli iscritti e degli Ordini Territoriali, hanno chiuso  la seconda edizione della Festa.

In occasione della festa vi è stata la cerimonia di premiazione per i 25 anni di appartenenza all’Ordine da parte gli Architetti: Giuseppe Basta, Giovanni Gentile, Piero Golino, Alfonso Panebianco, Maia Paparo, Ropalis Costantinos.

Gli Artisti che hanno preso parte alla mostra temporanea sono: Bodàr Bottega di Architettura, vincitori del Premio InArch2020, Giuseppe Caruso, Arch. Serafina Amoroso, Arianna Strada, Gaia Rizzo, Arch. Marzo Iembo, neo iscritto all’Ordine.

Infine, è stata ufficializzata la nascita della Fondazione dell’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Crotone.