Isola Capo Rizzuto,

Sabato 1 giugno giochi aperti per tutti i bambini: divertimento e integrazione al centro del progetto Prociv “Lab31”

La locandina dell'Open day di Lab31

Imparare e crescere giocando. Incentivare l’integrazione dei minori stranieri attraverso l’attività ludica. Questi sono gli scopi del progetto europeo Lab31 (It’s time to play – è tempo di giocare) di cui è capofila la Prociv Arci di Isola Capo Rizzuto e che vivrà uno dei momenti più importanti sabato prossimo 1 giugno.

Spettacoli di varietà, baby dance, gonfiabili e divertimento garantito per tutti i bambini che vorranno partecipare all’Open Day di Lab31, come detto sabato prossimo 1 giugno, a partire dalle ore 16:00 e fino alle ore 18:00, presso le strutture sportive del Club Juventus, in località Ceramidà a Isola Capo Rizzuto. L’evento è aperto a tutti i bambini e chiunque voglia partecipare oppure avere informazioni può contattare la Prociv Arci di Isola Capo Rizzuto al numero telefonico 0962-797179.

Il progetto si prefigge lo scopo di sviluppare la partecipazione di minori stranieri, comprendendo anche quelli non accompagnati, nella vita culturale e sociale della comunità che li accoglie, con iniziative ludiche e culturali interagendo con la popolazione locale. Lab31 fornisce un modello innovativo di integrazione dei minori stranieri, facendo perno sulla loro partecipazione attiva attraverso il gioco.

Lab 31 (Encourager l’Intégration des mineurs étrangers à travers le Jeu – Incentivare l’integrazione dei minori stranieri attraverso il gioco) è un progetto presentato dalla Prociv Arci di Isola Capo Rizzuto come ente capofila e approvato dalla European Commission – Directorate General Migration and Home Affairs – responsabile della politica UE su migrazione e affari interni.

Le azioni del progetto prevedono l’individuazione di buone pratiche e di una metodologia comune che porti ad un approccio alternativo all’integrazione dei minori stranieri (accompagnati e non accompagnati) con giovani del luogo, attraverso una serie di attività ludiche e culturali.

Sono previsti 8 progetti pilota denominati Lab31 che saranno realizzati nei paesi partner progettuali, ma quello di Isola Capo Rizzuto oltre ad essere l’unico del Sud Italia è, insieme ad Alfea Cinematografica di Pisa, l’unico approvato per enti italiani.

Nel dettaglio gli otto Lab31 sono:

Prociv Arci di Isola di Capo Rizzuto (Partner Capofila) Crotone (IT);

Opu Organization of assistance for refugees, Praga (CZ);

Cazalla Intercultural Association, Lorca – Murcia (ES);

Pluralis asbl (Association no profit), Rixensart – Bruxelles (BE);

Rare Studio Performing Arts School, Liverpool (EN);

Alfea Cinematografica, Pisa (IT);

Save the Children Romania, Bucarest (RO);

KISA – Migrant and Refugee Center, Nicosa (CY);

CPAS – Centres Publics d’Action Sociale, Forest – Bruxelles (BE).

I principali obiettivi progettuali sono:

fornire un modello d’integrazione e partecipazione attiva dei minori stranieri nella comunità ospitante attraverso attività ricreative e culturali che consentono ai minori stranieri ed ai autoctoni di non essere discriminati, ai sensi dell’Articolo 31 della Convenzione sui diritti dell’infanzia;

sviluppare la capacità dei minori stranieri a comunicare con la comunità locale per una maggiore integrazione ed interazione;

modificare alcuni atteggiamenti della società civile nei confronti dei minori stranieri;

ridurre l’esclusione.

 

Il progetto, avviato nel 2018, terminerà con la realizzazione della terza fase, ovvero pubblicazione, divulgazione e disseminazione dei risultati (giugno – novembre 2019).

Tag:, , ,

Aurum