Crotone
Tempo di lettura: 1m 46s

Rapaci, gru e cicogne: a Punta Alice la Stazione Ornitologica Calabrese monitora migliaia di uccelli migratori

Falco di palude

foto: Eugenio Muscianese

È iniziato a Punta Alice, nel comune di Ciró Marina, il monitoraggio della migrazione pre riproduttiva di uccelli rapaci e altri grandi veleggiatori, come gru e cicogne.

Il progetto, denominato PARC (Punta Alice Raptor Count), a cura della Stazione Ornitologica Calabrese (StOrCal), è stato presentato ieri mattina in presenza del sindaco di Cirò Marina Sergio Ferrari, dell’assessore all’agricoltura e risorse agroambientali con delega alla caccia e pesca, Maria Teresa Gentile, del presidente del consiglio Francesca Aloisio e di alcuni esponenti della stessa StOrCal, tra cui il presidente Manuela Policastrese, i soci Salvatore Urso, Pierpaolo Storino e Mario Pucci, attivo referente locale, nonché membro del direttivo della stessa associazione.

Dopo un mese di attività migliaia di uccelli sono stati “registrati” confermando le aspettative degli esperti che continueranno le osservazioni fino a metà maggio. Le specie finora osservate appartengono a 7 diversi ordini di cui i rapaci, le cicogne e le gru rappresentano la maggioranza. I falchi di palude Circus aeruginosus e le albanelle sono i veri protagonisti del fenomeno, non a caso raffigurati nel logo dello stesso PARC.

La postazione di Punta Alice, in cui si sono finora alternati diversi ornitologi esperti provenienti da tutta la regione, si conferma luogo ideale per l’osservazione della migrazione. La sua posizione geografica, proiettata sul Golfo di Taranto, è infatti un vero “trampolino di lancio” per gli uccelli diretti a nord, ma anche un luogo sicuro dove trascorre la notte o attendere condizioni metereologiche favorevoli posati sui filari dei caratteristici vigneti.

“La presenza degli ornitologi, sul campo per almeno 9 ore al giorno in continuata, ha destato curiosità e interesse nella popolazione locale che ha bene accolto l’iniziativa. A tal proposito si ringrazia Pasquale Parrilla per aver concesso l’utilizzo del suo fondo agricolo e Nicodemo Vetere per l’aiuto nell’organizzazione logistica della postazione di osservazione” ha detto il presidente della Stazione Ornitologica Calabrese Manuela Policastrese.