Crotone,

Il Mibac stanzia 4 milioni per 33 interventi in Calabria: zero euro a Crotone

Il famoso Diadema di Hera conservato nel Museo nazionale di Crotone

Il Ministero per i beni e le attività culturali per la tutela del patrimonio culturale italiano ha deliberato un piano d’interventi da 180 milioni di euro in tutta Italia di cui 4.289.229,80 per la Calabria. In tutto gli interventi saranno 595, di questi 33 riguardano beni culturali della Calabria. Tra gli interventi più importanti da realizzare ci sono l’ex Collegio dello Spirito Santo di Vibo Valentia per un restauro conservativo, consolidamento e adeguamento impiantistico per la cifra di 1.235.000, 00 euro, la Chiesa di Santa Maria Neve per il completamento de restauro conservativo importo di 300.000, 00 euro e poi il Museo statale di Mileto, il Museo archeologico di Sibari e ben tre interventi alla biblioteca nazionale di Cosenza. Il programma biennale approvato dal ministro Alberto Bonisoli è stato finanziato con le risorse derivanti dalla Legge n. 190 del 23 dicembre (Legge di stabilità 2015).

Nulla, zero euro, zero centesimi per interventi a favore di beni culturali e/o archeologici in provincia di Crotone.

Del resto che volete mica Crotone e il suo territorio hanno poi tutti questi beni archeologici e culturali che hanno bisogno di interventi.

Ora resta da stabilire se Crotone sia stata esclusa per mancanza di progettualità e proposta oppure per miopia o cecità politico amministrativa. In entrambi i casi a pagare dazio è l’immenso patrimonio culturale e archeologico della provincia di Crotone che, purtroppo, come al solito, è relegata dietro l’ultimo posto.

Ad avercene politici che possano rappresentare il bene di questa terra. Ma la politica crotonese, da piazza della Resistenza fino a Montecitorio, passando per palazzo Campanella, è sempre in altre faccende affaccendate e tra queste faccende da sbrigare ci sono anche i notevoli, puntuali, quotidiani e caparbi sparamenti di posa social. Come direbbero a Napoli “e chest’è”.

Tag:,

Aurum