Crotone,

Esercenti lungomare: “La piscina Coni è un pericolo. Urge riqualificare quell’area”

Riceviamo e pubblichiamo

L’associazione Noi il futuro del lungomare, nel corso di questi mesi ha più volte evidenziato, con gli esercenti della zona, la problematica relativa alla ex piscina Coni.
È stato, infatti, segnalato più volte, lo stato di degrado in cui versa la struttura: un vero e proprio pericolo pubblico costante.
Inoltre, come più volte rimarcato anche da altri, la presenza del “rudere” rappresenta un forte ostacolo allo sviluppo di tutta l’area interessata.
Nonostante sull’argomento siano stati spesi fiumi di parole e formulati tanti progetti, di fatto, quell’area rimane troppo spesso sottostimata, quasi avulsa dalla città stessa.
Il nostro appello è finalizzato a stimolare e coinvolgere le Istituzioni preposte al fine di individuare, immediatamente, una soluzione progettuale prioritariamente per la messa in sicurezza, e poi per restituire quella strategica area alla città.
Lo spirito dell’associazione che si evidenzia anche da questo appello è quello di far rivivere il lungomare cittadino attraverso iniziative culturali e sociali insieme alla cura e alla manutenzione che ne risaltino le peculiarità estetiche.
Al lungomare deve essere attribuita in ambiti urbanistici una rilevanza strategica di sviluppo.
La riqualificazione di quell’area, potrebbe ridare un segnale positivo di speranza.
Auspichiamo una maggiore attenzione da parte delle Istituzioni su questa problematica in quanto non è di una struttura degradata che la città ha bisogno ma di una area in grado di poter favorire aggregazione e socializzazione ed essere palcoscenico ideale di grandi eventi che la città si prepara ad ospitare per il prossimo anno.

Il presidente Francesco Mano

Tag:,

Aurum