Crotone,

Crotone, la storia di Lea Garofalo raccontata in inglese dagli studenti del “Gravina”

Lea Garofalo

“Together to tell a Tale”, insieme per raccontare una storia, questo il titolo del PON svoltosi all’Istituto Gravina di Crotone. Un gruppo di ragazze, dei vari indirizzi del Liceo, hanno realizzato un power point e narrato la storia di Lea Garofalo in inglese. La decisione nasce dalla consapevolezza che poco si conosce della ‘ndrangheta e che quasi nulla è scritto in inglese. È ormai risaputo che una lingua straniera può essere insegnata in qualsiasi modo anche parlando di Mafie e di un paesino in provincia di Crotone.

Durante la prima fase del progetto le studentesse hanno imparato a riconoscere le varie parti di un racconto: setting, characters, plot, climax, ecc., poi sono stati fatti esempi sui modi di narrare una storia e sull’utilizzo di alcune figure retoriche e infine hanno letto e ascoltato storie di grandi donne, sconosciute ai più, come la rapper Sonita Alizadeh, Wangari Maathai, Ruth Harkaness. La prima parte è terminata con la decisione di narrare la vita di una grande donna del nostro territorio e quasi subito le ragazze hanno scelto la vittima di ‘ndrangheta Lea Garofalo, una storia di coraggio, dolore e riscatto. Successivamente è iniziata la seconda fase formata da una breve formazione sulla ‘ndrangheta e su Lea e proseguita con le studentesse, divise in piccoli gruppi, che hanno navigato su internet per trovare articoli, tradurli e presentarli oralmente in inglese attraverso un Ppt. L’incontro finale, oltre alla presentazione dell’elaborato, ha visto la presenza dei docenti del Pon, Mossa e Asteriti, e della dirigente dell’Istituto Donatella Calvo che ha ascoltato e poi raccontato alcune curiosità sulla storia, a lei ben nota, di Lea Garofalo e di sua figlia Denise; il tutto si è concluso in un bellissimo dibattito con le ragazze tutte entusiaste del loro lavoro.

Tag:

Aurum