Crotone,
Tempo di lettura: 2m 2s

Crotone, il saluto del Questore Claudio Sanfilippo

“Meno di due anni, ma intensi. Resterò legato a questa città che è stata la mia prima da Questore. Ho potuto mettere al servizio della comunità crotonese la lunga esperienza in polizia”. Lo ha detto Claudio Sanfilippo, il Questore che dopo meno di due anni lascia Crotone e assume l’incarico nella segreteria del vice direttore generale del Ministero dell’Interno, con funzioni vicarie di Consigliere ministeriale aggiunto, in praticapo capo della segreteria del numero due della Polizia di Stato.

Nell’incontro di commiato con la stampa Sanfilippo ha detto: “Abbiamo ridisegnato molte cose, come i servizi di ordine pubblico per esempio.
Ho trovato la squadra del Crotone in Serie A, che è un mondo completamente a parte. Con lo stadio che cambiava la sua struttura era necessario riscrivere i servizi di ordine pubblico. Crotone è una città di frontiera che aveva e ha bisogno di un contatto diretto con la Polizia di Stato e abbiamo implementato il numero di Volanti sul territorio, abbiamo ripristinato i poliziotti di quartiere e il Camper, avvicinando la città alla polizia.
Il collega Gambino (il nuovo Questore che si insedierà lunedì ndr) sapendo di venire in un territorio difficile, continuerà in questa opera costante, che non conosce battute di arresto.Sono sempre stato in prima line con i miei uomini, anche nelle cose fatte all’esterno, sul campo, sulla strada.
Me ne vado con un po’ di tristezza nel laaciare questa gente e questo territorio. Da meridionale sapevo di trovare tutte le bellezze e il calore del meridione, così come la dignità di noi meridionali. La stragrande maggioranza è fatta da gente onesta, che vuole lavorare e vorrebbe lavorare anche se a volte non ci riesce per colpa di pochi, ma che fanno danni enormi. Ho vissuto intensamente Crotone perché volevo capirla. Ringrazio tutte le istituzioni e le altre forze dell’ordine con cui ho avuto ottimi rapporti e massima collaborazione, collaborazione leale e proficua. Grazie anche all’autorità giudiziaria che ci ha sempre supportati nella nostra azione di legalità”. E sul nuovo incarico dice: “Sono molto, molto onorato. Ringrazio il Capo della Polizia per questa grande,e nuova esperienza. Trovarmi al Viminale, in un ufficio così importante, mi esalta e mi emoziona”.