Crotone,

Crotone dice grazie a Mustapha: encomio solenne del sindaco

La premiazione di Mustapha

“Crotone sa ringraziare e sa accogliere” con queste parole il sindaco Pugliese ha consegnato la massima onorificenza cittadina a Mustapha El Aoudi, un uomo marocchino che ha salvato la vita alla dottoressa dell’ospedale “San Giovanni di Dio” Nuccia Calindro.

Il 4 Dicembre la donna è stata aggredita con un cacciavite da un uomo crotonese, Luigi Amoruso, che le imputava delle responsabilità sulla morte della madre avvenuta due anni fa.

La professionista, ricordando con dolore l’accaduto, dice: “Questa è stata un’azione violenta, un’azione crudele e non si giustifica in nessuna maniera.”

L’encomio solenne è solo il primo riconoscimento che la città di Crotone ha voluto esprimere, in quanto tramite la prefettura si è dato anche l’avvio all’assegnazione della medaglia al valore civile.

“Ma il tutto è propedeutico a una cosa ancor più bella,” dice il sindaco “voglio comunicare che è stata avviata anche la procedura per il riconoscimento della cittadinanza italiana.”

Mustapha El Aoudi lavora a Crotone da circa trent’anni, ha tre figli nati nella città calabrese e ha sempre vissuto cordialmente con tutti i cittadini, alla premiazione racconta: “Crotone mi ha sempre accolto, mi hanno voluto bene e ho voluto bene, ma adesso mi dimostrano ancora più affetto.”

In un paese che chiude i porti, in un mondo in cui si costruiscono muri questa è una nota positiva che parte da una realtà locale che si dimostra unita, senza confini.

“Crotone sa far suoi i fratelli che arrivano dagli altri luoghi, nel bene e nel male, riesce comunque a gestirli” conclude così il sindaco.

“Gli eroi non dovrebbero esistere, tutti dovremmo essere eroi come Mustapha” queste le parole della dottoressa, che con un sorriso spiega: “Vedevo già la vita con colori diversi, ora vedo la vita con l’amore, la voglia di stare insieme agli altri, amarsi e fare del bene.”

Tag:, ,

Aurum