Crotone,
Tempo di lettura: 1m 46s

Bando per il centro migranti di Isola Capo Rizzuto: ecco chi lo gestirà

La Croce rossa italiana di Crotone; La Cascina Global Service srl di Roma; la società cooperativa Giovani del 2000 di Casabona; il consorzio Opera Misericordia di Firenze, ecco chi gestirà i servizi del Centro migranti di Isola Capo Rizzuto, uno dei più grandi d’Europa.

Ieri l’apertura delle buste presso la Prefettura di Crotone per il bando di gara diviso in quattro lotti “per la fornitura di beni e servizi relativi al funzionamento del Centro di accoglienza per richiedenti asilo Cara-Regional Hub di Crotone, per una ricettività complessiva di 1.216 posti”.

Un appalto triennale, dal valore complessivo di poco meno di 60 milioni di euro, suddiviso appunto in quattro lotti per evitare un’assegnazione unica la cui possibile ‘permeabilità’ è finita a giudizio nell’inchiesta antimafia Jonny.
La Prefettura di Crotone ha proceduto all’apertura delle buste con l’offerta economica che, insieme alla scheda tecnica ha sancito l’aggiudicazione degli appalti.
Il lotto 1, “fornitura di servizi alla persona, gestione amministrativa, assistenza sanitaria, distribuzione dei beni e servizi connessi” (per un importo a base d’asta di poco meno 11 milioni di euro) è andato alla Croce Rossa Italiana di Crotone.
Il lotto 2, fornitura di pasti (per un importo a base d’asta di 15 milioni e mezzo di euro), è andato all’impresa La Cascina Global Service srl di Roma.
Il lotto 3, servizio di pulizia ed igiene ambientale (per un importo a base d’asta di poco meno di 2 milioni di euro) se l’è aggiudicato la società cooperativa Giovani del 2000 di Casabona.
Il lotto 4, “fornitura di effetti letterecci, vestiario, prodotti per l’igiene” (importo a base d’asta di 6 milioni e 800 mila euro) era rimasta in gara il solo Consorzio Opera Misericordia di Firenze.
La valutazione finale per la ‘praticabilità’ dei ribassi presentati spetta al Responsabile unico del procedimento, Gianfranco Ielo: l’ultimo passo prima dell’assegnazione definitiva dei lotti. Ma si preannunciano già alcuni ricorsi.