capocolonna

“Vogliamo sposarci a Capocolonna”

Riceviamo e pubblichiamo

Egregio Direttore,
La presente per segnalarle una situazione incresciosa che si è venuta a creare sul sito di Capocolonna, in relazione ai tanto contestati lavori che hanno interessato l’area del sagrato.
Chi le scrive, oltre ad essere avvocato, ricopre altresì la carica di presidente provinciale del Movimento Difesa del Cittadino (Mdc).
Nei giorni scorsi, ho ricevuto mandato da una serie di coppie di nubendi, al fine di tutelare i loro interessi in merito ai matrimoni degli stessi che si dovrebbero celebrare presso la chiesa del promontorio Lacinio nel periodo luglio- settembre 2015.
Ebbene, i futuri sposi mi facevano notare i loro continui disagi subiti in merito alle loro nozze, scaturenti dalle condizioni in cui si trova tutt’oggi il sito di Capocolonna.
La maggior parte di queste coppie, attualmente ne tutelo una decina, ma in realtà il numero è destinato ad aumentare, lamentano il completo stato di abbandono in cui sono stati lasciati, e il conseguente scaricabarile subito in merito al conseguente gioco di competenze delle istituzioni.
I futuri sposi, in pratica, lamentano i disagi cui saranno sottoposti nel giorno più bello della loro vita, in occasione del quale saranno costretti a dimenarsi in un cantiere transennato, con tutti i problemi connessi in ordine alla cerimonia stessa.
In verità, l’accesso alla chiesetta mariana è permesso, ma non era certo questo lo scenario immaginato, allorquando si erano prodigati nell’organizzazione del matrimonio.
Si badi bene, che la maggior parte di queste coppie proviene da fuori Crotone, anche dal nord Italia, si tratta molte volte di giovani crotonesi che hanno incontrato l’anima gemella fuori città e che con orgoglio avrebbero voluto mostrare le bellezze della loro terra d’origine.
Per farla breve, la mia associazione, insieme all’analoga sede di Vallefiorita (Catanzaro), nella persona dell’avvocato Laura Parretta, si sta prodigando per trovare una soluzione alternativa al problema, rivolgendosi sia al Comune di Crotone, alla Regione Calabria, alla Sovraintendenza ai beni Culturali, senza per ora alcun riscontro.
Anzi, solo la Sovraintendenza ha risposto alle nostre sollecitazioni, ma al momento non sembrano esserci spiragli di uscita all’incresciosa questione.
Gli sposi hanno proposto, la rimozione temporanea del cantiere, per il tempo occorrente alla celebrazione del proprio matrimonio, (situazione già verificatesi in occasione delle feste mariane) per poi ripristinare lo stesso, ovviamente vietando l’accesso alle vetture sul sagrato e con tutto il massimo rispetto che un sito del genere merita.
Gli sposi hanno solo l’interesse a sposarsi in maniera decorosa, ma fino ad ora nessuna istituzione ha inteso porgere la propria collaborazione fattiva.
Il riscontro non è di poco conto, in quanto alcune delle coppie, hanno provveduto già da tempo a prenotare il ristorante per il banchetto nuziale nelle nostre zone, oltre ad aver già sostenuto i relativi costi connessi.
A questo punto, appare inevitabile, come Mdc, in caso di mancata soluzione al problema, sarà in prima linea per la richiesta di risarcimento danni nei confronti di chi alla fine aveva l’onere di attivarsi e non lo ha fatto.
L’ennesima “mala figura” subita dalla nostra beneamata e derelitta città.
La ringraziamo per l’attenzione
Avvocato Ferruccio Manica
presidente provinciale
Movimento Difesa del Cittadino – Crotone

 

Notizie Correlate

Ultime Recensioni

stefano-bollani

Stefano Bollani – Arrivano gli alieni

Terzo disco da solista per il compositore, pianista e cantante jazz Stefano Bollani, dopo Smat Smat (2003) e Piano solo (2007).

Everest-La-Scalata

Everest

Jake Gyllenhaal veste i panni di uno scalatore nello spettacolare e drammatico film ispirato ad una storia vera.

stephen-king

Stephen King – Chi perde paga

Torna il “re” del thriller con il secondo capitolo della trilogia poliziesca dedicata alle inchieste del detective Bill Hodges.

jamestaylo-photo

James Taylor – Before this world

Il leggendario cantautore statunitense torna al primo posto della classifica Billboard America a 45 anni di distanza dall’ultima volta.

Terzo disco da solista per il compositore, pianista e cantante jazz Stefano Bollani, dopo Smat Smat (2003) e Piano solo (2007).

Jake Gyllenhaal veste i panni di uno scalatore nello spettacolare e drammatico film ispirato ad una storia vera.

Torna il “re” del thriller con il secondo capitolo della trilogia poliziesca dedicata alle inchieste del detective Bill Hodges.

Il leggendario cantautore statunitense torna al primo posto della classifica Billboard America a 45 anni di distanza dall’ultima volta.

© 2015 RGB Communication srls | PI 03409750795. Powered by Idemedia.