Processo Insula

Processo Insula, parlano le difese

Massimo Arena rende dichiarazioni spontanee: “In questo processo è stato fatto un macello”

Si avvia alle battute finali il processo Insula, che vede imputata, tra gli altri, l’ex sindaco di Isola Capo Rizzuto, Carolina Girasole e che riguarda l’ormai famigerato bando per la raccolta dei finocchi.
Nel giorno delle difese inizia per primo l’imputato Massimo Arena che rende dichiarazioni spontanee, usando parole durissime all’indirizzo dei finanzieri che hanno svolto le indagini. Arena ha letto un documento nel quale é scritto che “in questo processo è stato fatto un macello”.
“Signor Giudice avete notato come si chiama il processo, Insula come il giornale del prete che é don Camillo e la Girasole, Peppone e noi ci siamo finiti n mezzo”.
Dopo le dichiarazioni di Arena è stata la volta dell’avvocato Luigi Villirilli difensore degli imputati Paolo Lentini, Antonio Guarino e Antonio Calabretta. Dopo aver ripercorso le vicende è parlato di insussistenza delle prove, il legale ha chiesto per i suoi assistiti la piena assoluzione per insussistenza dei fatti e in subordine per non averli commessi.
Lunga, invece, l’arringa dell’avvocato Vincenzo Vrenna, difensore di Antonio De Meco, che ha di fatto smontato le accuse punto per punto, soffermandosi sulle indagini della Guardia di Finanza e sulle deposizioni in aula ed ha più volte ribadito il concetto inverso dell’onore della prova che tocca all’accusa e che, secondo i legale, non solo non è stata prodotta, ma sono state invece le difese a produrre prove, tante, a discarico.
L’avvocato Vrenna ha discusso a lungo su quanto scritto nelle informative, sulla base delle quali sono state emanate le ordinanze di custodia cautelare, e quanto poi dichiarato dai finanzieri nel corso del processo.
Più volte il legale ha ribadito il concetto di custodia cautelare per incensurati sulla base di informative che poi non avrebbero trovato riscontro nel corso del dibattimento. Accertamenti bancari mai fatti, intercettazioni tra De Meco e Arena mai registrate, punti gps non coerenti per le posizioni delle auto. Vrenna ha chiesto L’assoluzione per non aver commesso il fatto non sussiste.
L’avvocato Domenico Sirianni, difensore di Domenico Battigaglia, ha parlato di “accusa monca, nessun riscontro, nessun indizio trasformato in prova” e ha chiesto l’assoluzione perché il fatto non sussiste.
Anche l’avvocato Chiodo ha chiesto l’assoluzione per il suo assistito Antonio Calabretta, smontando il terzo interrogatorio a cui fu sottoposto è ritenuto dal pm autoaccusatorio.
Martedì prossimo toccherà agli avvocati Marcello e Mario Bombardiere, difensori di Carolina Girasole e del marito Franco Pugliese.

Notizie Correlate

Ultime Recensioni

stefano-bollani

Stefano Bollani – Arrivano gli alieni

Terzo disco da solista per il compositore, pianista e cantante jazz Stefano Bollani, dopo Smat Smat (2003) e Piano solo (2007).

Everest-La-Scalata

Everest

Jake Gyllenhaal veste i panni di uno scalatore nello spettacolare e drammatico film ispirato ad una storia vera.

stephen-king

Stephen King – Chi perde paga

Torna il “re” del thriller con il secondo capitolo della trilogia poliziesca dedicata alle inchieste del detective Bill Hodges.

jamestaylo-photo

James Taylor – Before this world

Il leggendario cantautore statunitense torna al primo posto della classifica Billboard America a 45 anni di distanza dall’ultima volta.

Terzo disco da solista per il compositore, pianista e cantante jazz Stefano Bollani, dopo Smat Smat (2003) e Piano solo (2007).

Jake Gyllenhaal veste i panni di uno scalatore nello spettacolare e drammatico film ispirato ad una storia vera.

Torna il “re” del thriller con il secondo capitolo della trilogia poliziesca dedicata alle inchieste del detective Bill Hodges.

Il leggendario cantautore statunitense torna al primo posto della classifica Billboard America a 45 anni di distanza dall’ultima volta.

© 2015 RGB Communication srls | PI 03409750795. Powered by Idemedia.