f16-crotone-disarmo

Nato: Crotone, confermato completamento base

Non vi sono incertezze sul completamento della base aerea di Crotone: la decisione di ospitare a Crotone, in Calabra, il 401.mo stormo di aerei F-16 dell’aeronautica statunitense che nel 1991 dovrà lasciare la base spagnola di Torrejon, è stata presa collettivamente dai paesi della Nato e rimane indispensabile per la sicurezza dell’alleanza. Lo ha dichiarato questa sera a Bruxelles il portavoce della Nato, in risposta alle domande di alcuni giornalisti. “La decisione americana di congelare le spese per tre mesi – ha detto il portavoce riferendosi a notizie di stampa – non intaccherà l’impegno preso dall’amministrazione americana in questo programma comune della Nato (la costruzione della base per ospitare gli F-16), un programma che è finanziato dal fondo infrastrutture della Nato”. “L’invito all’Italia di accogliere il 401.mo stormo – ha ricordato il portavoce – venne dall’alleanza nel suo insieme, non solo dagli Stati Uniti, nello stesso tempo, l’alleanza decise che la costruzione della base di Crotone sarebbe stata finanziata da tutti i paesi della Nato”. “Si tratta – ha detto ancora il portavoce – di una decisione collettiva, e l’alleanza continua a ritenere che la permanenza del 401.mo stormo in Europa è indispensabile alla sicurezza comune”. “La decisione di trasferire in Italia il 401.mo stormo dell’Usaf è stata presa nel 1988 dalla Nato, e il costo della nuova base è stato valutato inizialmente in circa  500 milioni di dollari, all’epoca circa 740 miliardi di lire, da distribuire fra i paesi alleati, che contribuiscono al fondo comune per la realizzazione delle infrastrutture. Nel giugno ’89 i ministri della difesa dell’alleanza hanno ribadito che il trasferimento degli F-16 in Italia – accettato con un voto del parlamento italiano- era di “importanza vitale” per la difesa del fianco meridionale dello schieramento della Nato. La base di Crotone – ricordano fonti atlantiche – sarà una base di tempo di pace. È prevista in caso di crisi la dispersione degli aerei, che in quel caso si sposterebbero su altre basi, eventualmente anche per imbarcare armi nucleari che comunque non saranno immagazzinate a Crotone.

 

Notizie Correlate

Ultime Recensioni

stefano-bollani

Stefano Bollani – Arrivano gli alieni

Terzo disco da solista per il compositore, pianista e cantante jazz Stefano Bollani, dopo Smat Smat (2003) e Piano solo (2007).

Everest-La-Scalata

Everest

Jake Gyllenhaal veste i panni di uno scalatore nello spettacolare e drammatico film ispirato ad una storia vera.

stephen-king

Stephen King – Chi perde paga

Torna il “re” del thriller con il secondo capitolo della trilogia poliziesca dedicata alle inchieste del detective Bill Hodges.

jamestaylo-photo

James Taylor – Before this world

Il leggendario cantautore statunitense torna al primo posto della classifica Billboard America a 45 anni di distanza dall’ultima volta.

Terzo disco da solista per il compositore, pianista e cantante jazz Stefano Bollani, dopo Smat Smat (2003) e Piano solo (2007).

Jake Gyllenhaal veste i panni di uno scalatore nello spettacolare e drammatico film ispirato ad una storia vera.

Torna il “re” del thriller con il secondo capitolo della trilogia poliziesca dedicata alle inchieste del detective Bill Hodges.

Il leggendario cantautore statunitense torna al primo posto della classifica Billboard America a 45 anni di distanza dall’ultima volta.

© 2017 RGB Communication srls · PI 03409750795 · Powered by Idemedia.